The New Yorker apre la propria boutique online. La storica testata di Condé Nast ha appena inaugurato uno shop virtuale, che comprende un vasto assortimento di prodotti contraddistinti dal suo inconfondibile logo. Tazze, carte da gioco, matite e taccuini brandizzati ,pensate per tutti gli appassionati di uno dei magazine più famosi al mondo. Tra i tantissimi gadget proposti, non mancano anche i capi d’abbigliamento: cappellini da baseball, berretti, t-shirt, felpe, calze e body per grandi e bebè. In futuro potrebbe aggiungersi altre categorie merceologiche, come le tovagliette per colazione.

The New Yorker e il suo shop online

L’idea è stata sviluppata da Nicholas Blechman, creative director del magazine che annovera un numero consistente di abbonati. Recenti dati riportano che gli abbonamenti lanciati nel 2014 fruttano circa 120 milioni di dollari alla testata. Dati molto importanti, sebbene la pandemia scatenatasi nell’ultimo anno abbia fortemente nuociuto all’editoria statunitense così come a quella di tutto il mondo. 

Secondo uno studio realizzato da Alliance per Auditel Media, circa il 40% delle riviste ha visto un declino di pubblico e di inserzioni pubblicitarie, durante il 2020. All’interno del portfolio Condé Nast The New Yorker registra un +16% di lettori con un traffico web in salita del 23 per cento, un’eccezione rispetto alle sorti di Vogue, GQ e Allure.

Le parole dello storico giornale

“Vogliamo coinvolgere all’interno del progetto l’arte che contraddistingue il nostro magazine. Vorremmo chiedere a fumettisti e illustratori cosa amerebbero fare”, ha dichiarato Blechman facendo riferimento alle famose copertine e ai cartoon presenti nella rivista. In proposito The New Yorker vanta da tempo una sezione e-commerce all’interno del sito di Condé Nast dedicato a poster e disegni incorniciati tratti dall’ampio archivio.

L’apertura di questo shop online segna per The New Yorker una svolta epocale, sottolineando la volontà della testata a volersi trasformare in un vero e proprio brand a tutti gli effetti, diffondendo il suo marchio in giro per il mondo